“I vinti di Caporetto” di Guido Sironi: tecniche narrative e strategie retoriche

Author di Maria Panetta

esemplare della prima edizione del 1922, L. 10  (Collezione privata di «Diacritica»)
Esemplare della prima edizione del 1922, L.10
(Collezione privata di «Diacritica»)

Guido Sironi, tenente del 214° reggimento fanteria, brigata Arno, fu catturato a Passo Zagradan tra il 25 e il 26 ottobre 1917.

Il suo I vinti di Caporetto (edito nel 1922; cfr. Fig. n. 1) reca il sottotitolo Ricordi di prigionia: nella breve premessa, l’autore ci tiene a precisare che il volume «non ha nessuna intenzione letteraria, ma vuol essere soltanto un documento per la storia completa della grande guerra»1. Aggiunge di aver «tentato di mettere in luce» sia la vita esteriore sia quella interiore dei prigionieri di guerra e di aver «descritta la verità umana, senza veli», resistendo alla «facile tentazione di dare un colore eroico alle nostre mediocri vicende». I suoi ricordi sono dedicati a Paolo Wilmant, compagno di battaglia e di prigionia sepolto a Cellelager, e a Renzo Vitrotti, concittadino che condivideva con lui «ideali di italianità onestamente professati»2 e che, per Sironi, simboleggia tutti i prigionieri di guerra «ingiustamente dimenticati». Altri due punti della breve Prefazione sono degni di nota: l’affermazione che «nel ricordo dei morti sentono di nobilitarsi anche i vivi, reduci dal martirio», che rammenta il dissidio interiore di tante pagine di Primo Levi sulla sindrome del “sopravvissuto”; e il ringraziamento finale a Giuseppe Talamoni (1886-1968), l’artista monzese che illustrò le pagine del cosiddetto “diario”, regalando all’«arido mio racconto la suggestiva vibrazione di una memore poesia. Di questa suggestione io non ho alcun merito», un modo di ribadire ulteriormente la finalità non artistica del proprio libro, da parte dell’autore. Curioso, però, che il primo ricordo del capitolo iniziale, intitolato La battaglia, quello dell’8 ottobre 1917, esordisca così: «Giornate piovose»3, frase ellittica di verbo seguita da un a capo evocativo. Continua a leggere “I vinti di Caporetto” di Guido Sironi: tecniche narrative e strategie retoriche

(fasc. 3, 25 giugno 2015)

Lussu, Gadda e la demitizzazione della Grande Guerra

Author di Carlo Serafini

L’incremento di studi, dovuto alla vasta organizzazione di convegni e dibattiti sulla Grande Guerra in occasione del centenario, ha portato a riflettere su posizioni critiche e ideologiche sul mito della Grande Guerra e sulle caratteristiche letterarie e strutturali delle opere che l’hanno raccontata. La memorialistica di guerra di Emilio Lussu e di Carlo Emilio Gadda, pur se profondamente diversa nelle due opere (basti dire che Lussu scrive venti anni dopo gli avvenimenti, mentre Gadda redige i suoi diari in presa diretta), offre la possibilità di esprimere alcune considerazioni su ciò che realmente è stata per gli italiani spediti al fronte l’esperienza bellica della prima guerra, il tutto inserito in un contesto di lettura e studio letterario più che storico, come è giusto che sia. Continua a leggere Lussu, Gadda e la demitizzazione della Grande Guerra

(fasc. 3, 25 giugno 2015)

“Comporre” il romanzo. Conversazione con Simona Carretta

Author di Claudio Morandini

Da diversi anni il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Trento indaga, in seminari e pubblicazioni, la forma del romanzo nei suoi diversi elementi. L’ultimo volume, Comporre. L’arte del romanzo e la musica (collana «Labirinti», 156), che raccoglie i contributi del Quinto Seminario Internazionale di Studi organizzato nel 2012-2013, a cura di Walter Nardon e Simona Carretta, si dedica appunto all’analisi dei legami più profondi e meno scontati tra le due arti, guardando in particolare ai diversi modi in cui il romanzo ha preso a modello la musica (dal punto di vista tematico, stilistico e compositivo) e privilegiando il travaso di strutture e di forme da un’arte all’altra. Continua a leggere “Comporre” il romanzo. Conversazione con Simona Carretta

(fasc. 3, 25 giugno 2015)

“Racconto dei racconti” di Paolo Bertolani

Author di Claudio Morandini

Vi è una corrente di poeti-scrittori liguri che disdegna il mare e resta a mezza costa, a raccontare la vita sui pendii, tra gli orti, negli anfratti dell’entroterra. Che si tratti del Ponente inquieto e liminale di Francesco Biamonti e di Nico Orengo, o del Levante sopra Lerici di Paolo Bertolani, il paesaggio resta quello, aspro, vivido, d’estate polveroso e assordante di cicale, ventoso e freddo d’inverno, sempre odoroso, tutto terra sudore e sapori. Continua a leggere “Racconto dei racconti” di Paolo Bertolani

(fasc. 2, 25 aprile 2015)

Soggettività e oggettività nei “Pensieri” di Leopardi

Author di Luca La Pietra

Nella rielaborazione dei passi zibaldoniani operata da Leopardi per la composizione dei Pensieri, si possono individuare come tendenze prevalenti: l’oggettivazione, la riduzione dell’“io” autobiografico a favore di un “tu” indeterminato o di un “noi” generico, la mutazione in enunciazione impersonale di originarie brevi drammatizzazioni e la soppressione di parti narrative1. Il passaggio delle riflessioni dallo Zibaldone ai Pensieri consiste generalmente in «sfrondamento e condensazione delle pagine del diario, verso una perfezione aforistica»2. Tuttavia nei Pensieri un certo margine di soggettività resta ineliminabile. Continua a leggere Soggettività e oggettività nei “Pensieri” di Leopardi

(fasc. 2, 25 aprile 2015)

Il Cristo di Antonio Moresco

Author di Anna Orso

Nella poliedrica produzione di Antonio Moresco ci sono due romanzi che spiccano per vastità e che lo stesso autore ha definito «l’opera principale della mia vita di scrittore»1: si tratta degli Esordi e di Canti del caos. Essi, entrambi tripartiti, costituiscono parte di una trilogia la cui terza opera, uscita il 10 marzo 2015 per Mondadori, si intitola Gli increati.

Tra i vari elementi dei due romanzi, è sicuramente interessante soffermarsi sulla natura dei numerosi personaggi che vi appaiono, e in particolar modo delle due figure chiave della narrazione: il Matto e il Gatto2. Continua a leggere Il Cristo di Antonio Moresco

(fasc. 2, 25 aprile 2015)

Due testi rappresentativi della contemporaneità: “Per legge superiore” e “Morte di un uomo felice”

Author di Marco Zonch

Morte di un uomo felice è il secondo romanzo pubblicato da Giorgio Fontana per Sellerio e assieme al precedente, Per legge superiore, può essere ritenuto un ottimo punto d’osservazione da cui considerare la presente stagione culturale. Dal punto di vista dei generi letterari, i due romanzi rientrano all’interno dell’ampio bacino del giallo che in Italia, dall’esempio di Sciascia al noir, si è sempre distinto per l’impegno sociale profuso. Continua a leggere Due testi rappresentativi della contemporaneità: “Per legge superiore” e “Morte di un uomo felice”

(fasc. 2, 25 aprile 2015)

Consistenza e caso: idea e confini del neodadaismo da Cage a Pleynet e oltre

Author di Alessandro Gaudio

1. Geometria, simmetria e psicanalisi

John Cage era solito contrapporre il proprio orientamento verso la pittura geometrica astratta all’arte automatica: quest’ultima costituirebbe «un modo per ripiegarsi su se stessi, soffermandosi inconsciamente sui propri ricordi e sulle proprie sensazioni»1; è per questo che Cage, come notava anche Edoardo Sanguineti2, non apprezzava l’estetica surrealista, chiusa sull’io e troppo collegata alla psicanalisi, e le preferiva, invece, il Dada, aperto alla realtà e alla sperimentazione su di essa, non limitandosi a catalogarla in termini di bello o di brutto. Lungo questa china, la sperimentazione di Cage assumeva lo zero come base e prescindeva così, perché tutto le fosse permesso, da qualsiasi intenzione: «io vorrei che l’arte scivolasse via da noi − chiosava nel 1978 −, verso il mondo in cui viviamo»3. Continua a leggere Consistenza e caso: idea e confini del neodadaismo da Cage a Pleynet e oltre

(fasc. 1, 25 febbraio 2015)

Terrore, territorio, mare – Note politiche a Machiavelli, Hobbes, Accetto, Agamben

Author di Marco Pacioni

l’umido è ciò che è indelimitabile per limite proprio,
pur essendo altrimenti ben delimitabile,
mentre il secco è ciò che è facilmente delimitabile
per limite proprio, ma è altrimenti mal delimitabile

Aristotele, De generatione et corruptione

Chi è terrorizzato non ha appigli. Sente mancarsi la terra sotto i piedi. Gli è tutto instabile. Egli stesso si agita. Trema come fa la terra scossa dal terremoto. Continua a leggere Terrore, territorio, mare – Note politiche a Machiavelli, Hobbes, Accetto, Agamben

(fasc. 1, 25 febbraio 2015)