Recensione di Francesco Saverio Vetere, “Le luci della strada”

Autore di Maria Panetta

La vita non è una serie di lampioncini disposti in bella simmetria: la vita è un alone luminoso, un velo diafano che ci avvolge dall’origine della coscienza sino al suo limite. Non è forse compito del romanziere comunicare questo variabile, sconosciuto e illimitato spirito, in qualunque via di aberrazione e di complessità si svolga, con la minima confusione di elementi eterogenei?

È con queste riflessioni di Virginia Woolf, tratte dal suo saggio sul Romanzo moderno, apparso, in traduzione, in Italia nel 1934 su «Occidente», che ritengo utile accostarmi all’opera che segna l’esordio letterario come romanziere di Francesco Saverio Vetere, avvocato, Segretario Generale dell’Unione Stampa Periodica Italiana nonché docente di Editoria Periodica alla Sapienza Università di Roma. Continua a leggere Recensione di Francesco Saverio Vetere, “Le luci della strada”

(fasc. 33, 25 giugno 2020)

• categoria: Categorie Recensioni

Recensione di Giancristiano Desiderio, “Vita intellettuale e affettiva di Benedetto Croce – II Parerga e paralipomena”

Autore di Maria Panetta

Il nuovo libro su Croce di Giancristiano Desiderio prende avvio dall’Unesco[1]. E, più precisamente, dalla Dichiarazione dei diritti dell’uomo del 1947 e dalla teoria del diritto naturale, che «di fatto pone come eterno ciò che è contingente e frutto della storia: i diritti» (p. 8). Essi sono «creazioni storiche che rispondono alla soddisfazione di esigenze e bisogni di determinate epoche» (ibidem), precisa l’autore. E in poche, dense pagine illustra tutte le ragioni per cui Croce riteneva che l’Unesco fosse «un’istituzione sbagliata» (p. 10). Al di là del caso particolare, il concetto cardine che emerge è che «Fino alla fine dei suoi giorni Croce esercitò il coraggio del pensiero» (p. 11); Desiderio evidenzia, infatti, già nell’Introduzione al volume, come «la vita del filosofo della “religione della libertà” sia stata una vita vissuta e pensata contro il proprio tempo. Un’esistenza sempre in lotta: con se stesso, con la sorte, con l’università, con il fascismo, con il comunismo, con le falsificazioni, con i conformismi» (p. 12). Continua a leggere Recensione di Giancristiano Desiderio, “Vita intellettuale e affettiva di Benedetto Croce – II Parerga e paralipomena”

(fasc. 33, 25 giugno 2020)

• categoria: Categorie Recensioni

Recensione di R. Mangini, “La rivoluzione, forse domani” (2018)

Autore di Alessandro Gaudio

Siamo nei primissimi anni Quaranta, nel territorio che insiste tra Zenevredo (la cui caratteristica torretta è riprodotta nella prima illustrazione) e Costa de’ Nobili, nella zona dell’Oltrepò compresa tra le province di Pavia e Piacenza: al centro della storia c’è una banda di giovani, prima espressione di una poesia contadina che deve far fronte ai gerarchi fascisti e ai tudèsc, come li chiamano i più anziani, «buoni a far la guerra persa, che finora le avevano perdute tutte» (p. 7). Siamo ben lontani dagli anni della Resistenza, eppure sembra prendere vita un progetto diverso da quello solenne e pietrificante voluto dal potere dominante. In mezzo ai due fuochi, quello della Resistenza prima della Resistenza e quello in camicia nera, c’è l’enorme pianura padana, talvolta non proprio decisa a contrapporsi agli oppressori, quasi indifferente o comunque poco incline a prendere posizione per conservare un’ordinaria tranquillità, eppure fermissima nel difendere il valore della terra. Terra che non è un elemento nostalgico e regressivo: nella disposizione di chi la vive e la ama, si fa, piuttosto, comunità sociale, spazio in cui può germogliare una nuova sensibilità. Continua a leggere Recensione di R. Mangini, “La rivoluzione, forse domani” (2018)

(fasc. 33, 25 giugno 2020)

• categoria: Categorie Recensioni

Recensione di Luigi Paglia, “Visione di poeti”

Autore di Antonio Torres

La sequenza dei ventuno testi poetici dedicati ai poeti nella plaquette d’artista Visione di poeti di Luigi Paglia[1] appare inconsueta nella poesia contemporanea; due antecedenti potrebbero essere rappresentati da alcune poesie di Borges e dalle undici brevi composizioni della Merini nella raccolta Vuoto d’amore, anche se le finalità e il tono quasi epigrammatico della poetessa appaiono diversi da quelli di Paglia, che vuole presentare una galleria di ritratti dei suoi poeti prediletti, alcuni conosciuti personalmente, coniugando il profilo biografico col significato profondo della loro opera, la descrizione dei luoghi e delle case con gli itinerari esistenziali, così che «il libretto si colloca a metà strada tra la biografia, la critica, la narrazione e la poesia, e tra la realtà e l’invenzione», come annota Paglia, che precisa anche che «Il genitivo del titolo del libretto (Visione di poeti), naturalmente, implica che essi siano oggetto e soggetto della visione: il loro mondo (poetico, ma anche biografico, sentimentale ecc.) visto da me, e come alcuni di essi vedono o hanno visto il mondo»; infatti, nella sequenza si registra spesso il cambiamento del punto di vista: da quello dell’io lirico (o narrante) a quello di alcuni dei personaggi poetici, in una sorta di identificazione, e ciò è evidente nelle poesie dedicate a Pavese e Volponi, ma anche lo sdoppiamento alternato di prospettive è realizzato nei testi riguardanti Lessing Zymborska, Mistral. Continua a leggere Recensione di Luigi Paglia, “Visione di poeti”

(fasc. 33, 25 giugno 2020)

• categoria: Categorie Recensioni

Recensione di Giulio Ferroni, “La solitudine del critico. Leggere, riflettere, resistere”

Autore di Maria Panetta

Dopo tanti anni dedicati allo studio, all’insegnamento e all’esercizio della critica letteraria, Giulio Ferroni torna a far riflettere con un libriccino edito da Salerno Editrice nella serie «Astrolabio», una «piccola collana per “fare il punto” su grandi temi, figure, momenti, aspetti della nostra cultura e della nostra storia».

In sei densi capitoli Ferroni ripercorre la storia della critica letteraria del secondo Novecento, specie a partire dalle correnti in voga negli anni della sua formazione, quando «la critica letteraria aveva […] un non trascurabile rilievo pubblico»[1], in quegli anni Sessanta in cui «le discussioni critiche, teoriche e metodologiche, potevano avere anche determinanti ricadute di tipo “politico”»[2]. Continua a leggere Recensione di Giulio Ferroni, “La solitudine del critico. Leggere, riflettere, resistere”

(fasc. 32, 25 aprile 2020)

• categoria: Categorie Recensioni

Recensione di Domenico Zappone, “Cinquanta lettere a Mario La Cava”

Autore di Carmine Chiodo

Santino Salerno, palmese, è autore di studi pregevoli su autori quali Leonida Rèpaci, Domenico Zappone, Vincenzo Talarico, Domenico Antonio Cardone etc.

Questo carteggio è curato e commentato molto bene. Cinquanta sono le lettere che il giornalista e scrittore Domenico Zappone (Palmi, 1911-1976) manda a Mario La Cava. Esse provengono dall’archivio dello scrittore di Bovalino, ben custodito e curato da Rocco, figlio di La Cava. Già hanno visto la luce vari suoi carteggi, tra i quali, ad esempio, le Lettere dal centro del mondo (Rubbettino 2012), volume che contiene la corrispondenza di La Cava con Leonardo Sciascia. Continua a leggere Recensione di Domenico Zappone, “Cinquanta lettere a Mario La Cava”

(fasc. 32, 25 aprile 2020)

• categoria: Categorie Recensioni

Recensione di Mario La Cava, “Viaggio in Lucania”

Autore di Carmine Chiodo

Mario La Cava ha viaggiato tantissimo in Italia e all’estero: eccolo in Lucania, come al solito alla ricerca di storie, persone, ambienti da conoscere, per acquisire nuove esperienze che poi confluiscono nelle sue opere narrative e in giornali e riviste a cui collabora.

Tra l’autunno e l’inverno del 1952 visita la Lucania su invito del poeta lucano Leonardo Sinisgalli: «Furono quindici giorni che non passavano mai, varie ragioni personali influivano per accrescere la malinconia del mio cuore, a me ora pare di aver trascorso colà una lunga stagione» (p. 15). Continua a leggere Recensione di Mario La Cava, “Viaggio in Lucania”

(fasc. 32, 25 aprile 2020)

• categoria: Categorie Recensioni

Recensione di Christian Mascheroni, “Non avere paura dei libri”

Autore di Eleonora Bufoli

«A Eva e Gino, a mamma e papà. Voi siete la mia storia, la mia costante ispirazione. Io sono vostro»: questa è la dedica che l’autore, Christian Mascheroni, premette al proprio romanzo-confessione, Non avere paura dei libri. La storia di un amore profondo che lega un figlio ai genitori, alla stregua di quello che intercorre tra un lettore e i suoi libri. Continua a leggere Recensione di Christian Mascheroni, “Non avere paura dei libri”

(fasc. 31, 25 febbraio 2020)

• categoria: Categorie Recensioni

Recensione di Edoardo Calandra, “La falce”

Autore di Monica Lanzillotta

Il romanzo breve La falce, pubblicato da Edoardo Calandra nel 1902 unitamente a due racconti (Punizione e L’enigma), è stato rieditato per la prima volta dalla casa torinese Robin, grazie alle cure di Leonardo Lattarulo. Questi, da molti anni, è appassionato studioso dello scrittore piemontese uscito dal canone anche a causa della mancata ristampa della maggior parte delle sue opere: Lattarulo ha curato la pubblicazione di alcuni testi di Calandra, corredandoli di preziose introduzioni (La bell’Alda, pubblicata nella Bottega dello stregone. Cent’anni di fiabe italiane, per Editori Riuniti nel 1985; Dame Isabeau e altri racconti fantastici, editi con Solfanelli nel 1990; Juliette, con Fazi nel 1995), ed è anche autore di diversi studi critici sullo scrittore piemontese. Continua a leggere Recensione di Edoardo Calandra, “La falce”

(fasc. 31, 25 febbraio 2020)

• categoria: Categorie Recensioni

Recensione di Edoardo Albinati, “Maggio selvaggio”

Autore di Lorenzo Buonarosa

Nella storia letteraria italiana molti sono stati gli autori che hanno ambientato le proprie opere in un carcere: partendo dalla cronaca di Casanova della fuga dai Piombi, passando per il Silvio Pellico delle Mie Prigioni e arrivando al rocambolesco Novecento, con il manifesto ideologico di Gramsci nelle Lettere dal Carcere e, pochi anni dopo, con Guglielmo Petroni e il pungente romanzo Il Mondo è una Prigione. Solo per ricordarne alcuni. Continua a leggere Recensione di Edoardo Albinati, “Maggio selvaggio”

(fasc. 31, 25 febbraio 2020)

• categoria: Categorie Recensioni